Trending Now

Playlist spaziali

Playlist spaziali

La musica è un elemento importante, essenziale, nella vita di tutti gli esseri umani sulla Terra… e al di fuori di essa! La musica è, infatti, un elemento importante anche per gli astronauti. Essa li accompagna in tutti i loro spostamenti da e verso la stazione spaziale internazionale e in tutte le loro quotidiane attività. Sono gli astronauti stessi a stilare delle vere e proprie playlist spaziali con i brani che più preferiscono e che più sono rappresentativi. Scopriamone qualcuna insieme.

Playlist spaziali: Samantha Cristoforetti e Jessica Watkins sulla rampa di lancio

L’astronauta italiana dell’ESA Samantha Cristoforetti e l’americana della NASA Jessica Watkins sono attualmente a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

Playlist spaziali
La playlist scelta dall’astronauta Samantha Cristoforetti

Lo scorso 27 aprile 2022 le due colleghe sono partite insieme da Cape Canaveral. Hanno percorso insieme il breve tragitto che separa l’edificio dove soggiornavano dalla rampa di lancio, dove ad attenderle c’era un Falcon 9 pronto per il lancio.

Per il breve percorso, a bordo di una Tesla, hanno scelto una playlist spaziale per allietare l’ansia della partenza e salutare il pianeta Terra.

Nella playlist c’era Penso Positivo di Jovanotti (l’unico brano italiano), Cosmic Girl di Jamiroquai e Girl on Fire di Alicia Keys. Una playlist all’insegna del potere rosa, quindi, quella scelta dalle due donne che sono diventate la prima afroamericana a mettere piede sulla Stazione Spaziale Internazionale e la prima donna italiana astronauta (ben presto la prima comandante donna europea!). Orgoglio femminile che non poteva non essere celebrato.

Dedica ad AstroSamantha

Dopo un primo dietro front dei mesi scorsi, è di pochi giorni la notizia che sì, AstroSamantha sarà comandante della ISS! Sembrava che il sogno della prima comandante donna europea fosse svanito e invece possiamo ricominciare a sognare.

Playlist spaziali
Starman – David Bowie

Subito dopo l’annuncio, insieme ai complimenti e alle congratulazioni, è arrivato anche un regalo da Radio Capital: una playlist spaziale in onore al prossimo comandante della Stazione Spaziale Internazionale, la nostra incredibile Samantha Cristoforetti.

I brani della playlist sono: Saturn di Steve Wonder, Starman e Space Oddity di David Bowie, Rocket Man di Elton John, Across the Universe dei Beatles, Space Truckin’ dei Deep Purple, Satellite of Love di Lou Reed, Astronomy Domine e Interstellar Overdrive dei Pink Floyd.

Playlist spaziali: Voyager Golden Record

Fra tutte le playlist spaziali, Voyager Golden Record è quella che è andata più lontano.

Per raccontare la storia di questa speciale Playlist spaziale dobbiamo tornare indietro nel tempo al 1977, quando furono lanciate le due sonde spaziali Voyager 1 e Voyager 2.

Playlist spaziali
Voyager Golden Record

Le due sonde erano destinate a raggiungere i pianeti esterni del Sistema Solare, dei quali ci hanno mandato immagini incredibile. E di proseguire il loro viaggio oltre i confini del Sistema Solare, potenzialmente all’infinito.

Al momento sono gli unici oggetti costruiti dall’uomo che hanno superato i confini del Sistema Solare.

Al loro interno, tra le altre cose, vi sono i dischi Voyager Golden Record, delle playlist musicali destinate a chissà quale ascoltare intergalattico, una specie di scatola dei ricordi dell’umanità.

Sul disco sono incisi i brani di Bach, Mozart, Beethoven, il gamelan indonesiano, i canti Navajo, ecc.

Il Voyager Golden Record è un disco in rame placcato in oro di 30 centimetri di diametro. Sul disco è incisa la frase: “To the makers of music – all words, all time”. In tutti ci sono 27 brani che raccontano, in qualche modo, tutte le sfumature della vita sulla Terra.

Questo è un regalo di un piccolo e distante pianeta, un frammento dei nostri suoni, della nostra scienza, della nostra musica, dei nostri pensieri e sentimenti. Stiamo cercando di sopravvivere ai nostri tempi, così da poter vivere fino ai vostri” – Jimmy Carter, Presidente degli USA.

Join the Discussion

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top