Trending Now

Woodstock: gli eventi successivi al ’69

Woodstock

Abbiamo parlato del festival più incredibile e sconvolgente di sempre: Woodstock. Tuttavia, quello del 1969 non è l’unico Festival Musicale di Woodstock. Negli anni successivi è stato provato a ripetere l’impresa. Ma non c’è mai più stato un altro festival musicale come quello tenutosi nel ’69.

Altri cinque eventi omonimi si sono tenuti negli anni successivi: 1979, 1989, 1994, 1999, 2009. Sembrerebbe una ricorrenza decennale, se non fosse per l’evento del 1994. Ma scopriamo insieme cosa è successo nel corso dei festival successivi al ’69.

1979… 10 anni dopo

Dieci anni dopo l’evento musicale più grande della storia si è voluto rievocarlo. Più che altro omaggiarlo, infatti, gli eventi furono molto contenuti.

Woodstock '94
Woodstock ’94

Furono due gli eventi organizzati per ricordare il Festival Musicale. Il primo fu un concerto rock al Madison Square Garden di New York, il 24 e il 25 agosto del 1979. Fu un evento molto contenuto, lontano dagli ampi spazi di Woodstock, nel cuore della Grande Mela.

Non fu riportato il nome Woodstock nell’invito all’evento. Forse era troppo presto per ricordare un evento che ha cambiato la storia, non solo in positivo. Lo stato di New York fu, infatti, assediato per una settimana e molti lo ricordavano ancora molto bene anche se erano passati dieci anni. Invece, il concerto fu semplicemente chiamato: “Celebration: Ten Years Later”.

Nel frattempo, a Long Island, sempre a New York, si teneva la Reunion del Festival più famoso di sempre. Tuttavia, l’organizzazione ha avuto non pochi problemi e l’intero evento ha rischiato di essere completamente annullato.

Woodstock 1989

Venti anni dopo si torna sul luogo originale del vero festival. Il festival musicale del 1989 è anche conosciuto come The Forgotten Woodstock.

Woodstock '99
Woodstock ’99

L’evento non è stato organizzato ma è nato spontaneamente come celebrazione dei vent’anni dell’evento.

Per primo arrivò sul luogo il chitarrista Rich Pell. Tutti furono invitati a esibirsi. Chiunque, famoso e non, di qualsiasi livello. I proprietari del terreno diedero il permesso a Rich Pell per organizzare il concerto e aiutarono nell’organizzazione.

La notte dell’evento, inoltre, ci fu un’eclissi totale di Luna, che gli artisti furono in grado di integrare perfettamente con la performance.

Woodstock 1994

Nel 1994 si decise di organizzare una celebrazione per i 25 anni dall’evento originario. Il festival prese il nome di “2 more days of peace and music”.

Zucchero
Zucchero partecipò al festival del ’94

L’evento durò tre giorni e fu organizzato in una fattoria a un centinaio di chilometri dal sito originario.

Gli organizzatori prepararono l’evento per poco più di 150.000 persone. Tuttavia, si stima che si presentarono in 350.000.

Durante l’evento del 1994 si esibì per la prima volta nella storia di Woodstock un cantante italiano: Zucchero.

1999

Nel 1999 si tentò ancora una volta di emulare lo storico evento del ’69, questa volta con l’aiuto di uno degli organizzatori dell’evento originario: Michael Lang.

Molti band e cantanti importanti presero parte all’evento, tra cui Metallica e Red Hot Chilli Peppers. Quello del 1999 fu un evento molto controverso, in quanto vi furono diversi casi e denunce di violenze, aggressioni sessuali e anche qualche vittima. Le aggressioni furono denunciate anche dagli stessi artisti che dal palco videro il disordine.

Woodstock 2009

L’ultimo evento che tentò di riportare alla luce lo storico festival del 1969 è Woodstock 2009.

Tuttavia, quest’ultimo non fu un festival, ma un tour, che coinvolse molti artisti e band che avevano preso parte all’evento originario. Il tour fu rinominato The Heroes of Woodstock tour e partì il 9 giugno del 2009 dalla California, per terminare il 10 ottobre dello stesso anno a Coachella.

Sembra più un passaggio di consegne. Probabilmente non ci saranno altri Woodstock in futuro, ma sicuramente ci saranno altri Coachella Festival. Forse diversi, più tranquilli e controllati, ma sempre all’insegna della musica e dell’arte.

Join the Discussion

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top